Ambrosiana
ambrosiana.it - Versione Beta

llias picta NA

llias picta

NA

Il codicetto cartaceo giunse in Biblioteca nell’au­tunno 1609 con la stupefacente collezione di manoscritti ap­partenuta a Gian Vincenzo Pinelli (1535-1601) e acquistata dal cardinale Federico dopo lunga trattativa; era un libro di scuo­la, con la parte destra dei fogli occupata da commenti e spiega­zioni all’Iliade di carattere narrativo ed eziologico, la sinistra dalle miniature, disposte tutte in modo che guardassero a sini­stra.
Nel primo decennio dell’Ottocento i frammenti di pergamena vennero distaccati dalle loro carte di supporto, venendo così restituiti a libertà e all’industria degli studiosi. Essi furono ritagliati da un codice dell’Iliade meraviglioso quanto mai e singolarissimo, tanto da man­care quasi confronti stringenti con altre reliquie del mondo anti­co, che aiutino a dare un’età al libro e indovinare dove potrebbe essere stato prodotto. L’indagine paleografica di Guglielmo Ca­vallo ha condotto ai tempi dell’imperatore bizantino Anastasio I (491-518), e più precisamente agli inizi del VI secolo, quando in un tipo di scrittura calligrafica utilizzata eminentemente per la tra­smissione di testi cristiani, la maiuscola biblica, si ritrovano i gio­chi chiaroscurali e gli elementi esornativi delle lettere propri del copista dell’Ilias picta; il quale però li applica a una stilizzazione in disuso ormai da tre secoli e che era stata la bella scrittura della let­teratura profana, la maiuscola rotonda: il ritorno critico a una tra­ dizione gloriosa e degna dell’autore per eccellenza del mondo pa­gano, che fosse splendidamente e sprezzantemente mostrato di fronte alla cultura cristiana ormai trionfatrice. Per l’inizio del VI secolo ha concluso anche Ranuccio Bianchi Bandinelli studiando le miniature dell’Ilias, che si rivelano né originali né copia mecca­nica di un solo modello, bensì composizioni di elementi e tradi­zioni diverse delle arti figurative e dell’artigianato databili dal II al V secolo d.C.; da qui la difformità fra le miniature, che sarebbero tutte da ricondurre alla mano di un solo buon artigiano.
Quanto al luogo in cui l’Ilias picta fu prodotta, il confronto con la scrittura somigliante e coeva di due frammenti pergamena­cei, l’uno ritrovato in Egitto (Ant. II 78: Platone, Teeteto; sec. V ex.-VI in.), l’altro (Duke inv. G. 5: Platone, Parmenide, sec. V ex.) lì riutilizzato forse nei sec. VII-VIII per scrivere un testo copto, por­terebbe a propendere per Alessandria. Di necessità un tal lavoro fu condotto in un centro metropolitano, dove si trovassero com­mittenza e destinatari colti e con potenti mezzi, biblioteche e un patrimonio artistico che fornissero modelli per scrittura, testo e miniature, almeno un copista e un miniatore all’altezza.
Fu poi nella grecità calabro-sicula di pieno XII secolo che fu ap­prontato il manualetto omerico e vi furono incollate le miniatu­re superstiti ritagliandole dai fogli originari.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

  • TITOLO

    llias picta
  • AUTORE

    NA
  • DATA

  • TIPOLOGIA

    Manoscritto
  • TECNICA

  • DIMENSIONI

  • SOGGETTO

  • SCUOLA PITTORICA

  • SALA

    NA

ACCADE IN AMBROSIANA

titolo

PINACOTECA

I SEGRETI DEL CODICE ATLANTICO

Celebrazioni per i Cinquecento anni dalla scomparsa di Leonardo da Vinci.

18/12/2018-17/03/2019
MOSTRA
titolo

ACCADEMIA

L’AFRICA NEL MONDO, IL MONDO IN AFRICA

Classis Africana – V Dies Academicus

24-25/01/2019
DIES ACCADEMICO
titolo

AMBROSIANA

PRENOTAZIONI

L’Ambrosiana ha un nuovo servizio di prenotazione per gruppi e visite guidate!

18/12/2018
NEWS
titolo

PINACOTECA

SCUOLA DI ATENE

Si avviano al termine i lavori di restauro sul cartone di Raffaello.

27/10/2018
NEWS