Ambrosiana

Naturalis Historia Plinio il Vecchio (23-79 dC)

Naturalis Historia

Plinio il Vecchio (23-79 dC)

  • TITOLO

    : Naturalis Historia
  • AUTORE

    : Plinio il Vecchio (23-79 dC)
  • DATA

    : 1389
  • TIPOLOGIA

    : Manoscritto
  • TECNICA

    :
  • DIMENSIONI

    : 39 × 27 cm
  • SOGGETTO

    :
  • SCUOLA PITTORICA

    :
  • SALA

    : Non esposta

Questa edizione della Naturalis Historia di Plinio faceva parte del la collezione di uno dei più noti bibliofili della corte di Gian Galeazzo Visconti, Pasquino Capelli. La sua storia è tristemente nota. Amante dei classici e grande collezionista di codici che ricercava nei suoi viaggi, soprattutto in Francia, cancelliere del duca, inviato spesso per suo conto in ambascerie, il Capelli perde il favore di Gian Galeazzo per motivi che ancora oggi ci sfuggono e finisce i suoi giorni in prigione dove muore giustiziato nel 1399. Il duca si appropria anche della sua ricca collezione di codici che fa il suo ingresso nella biblioteca viscontea di Pavia al pari di tre non meno prestigiose raccolte come quella di Francesco I il Vecchio da Carrara o dello stesso Petrarca.
Il codice, riccamente illustrato nelle iniziali all'incipit dei libri, presenta nella lettera che introduce il libro XXXV sulla pittura (f. 332r) un autoritratto del miniatore che orgogliosamente si firma nella lettera iniziale: Frater Petrus de Papia me fecit 1389. Il maestro sorride compiaciuto al suo scrittoio, mentre sta miniando una lettera iniziale. Frate agostiniano presso il convento di San Pietro in Ciel d'Oro, Pietro da Pavia è attivo protagonista dello scriptorium che ha sede nel convento pavese.
Il codice di Plinio non è l'unico manoscritto miniato da Pietro da Pavia per il Capelli, che amava lo stile francesizzante del maestro agostiniano. Il gusto francese negli ornati si diffonde rapidamente tra gli artisti lombardi, complice la circolazione di manoscritti d'oltralpe e i rapporti sempre più stretti tra la corte ducale e la corona di Francia. Pietro da Pavia illustra il Plinio con una serie di iniziali, raffinatissime negli ornati e nei colori e nell'uso della foglia d'oro. Nei fogli del codice ambrosiano scopriamo infine nei margini anche grottesche e droleries, animali fantastici o esseri mostruosi, nati dalla fantasia dal miniatore e capaci di distrarre, divertendo, anche il lettore più attento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

  • TITOLO

    Naturalis Historia
  • AUTORE

    Plinio il Vecchio (23-79 dC)
  • DATA

    1389
  • TIPOLOGIA

    Manoscritto
  • TECNICA

  • DIMENSIONI

    39 × 27 cm
  • SOGGETTO

  • SCUOLA PITTORICA

  • SALA

    Non esposta

ACCADE IN AMBROSIANA

PREMIO INTERNAZIONALE EUGENIO CORTI 2020

Biblioteca

PREMIO INTERNAZIONALE EUGENIO CORTI 2020

Lunedì 3 febbraio 2020 alle ore 15.00, presso la Veneranda Biblioteca Ambrosiana (Piazza Pio XI, 2, 20123 Milano), in occasione della cerimonia di consegna del Premio internazionale Eugenio Corti 2020 avrà luogo un importante workshop sull’illustre scrittore brianteo.

03/02/2020-03/02/2020
CONFERENZA
CRIPTA SAN SEPOLCRO: NUOVI PREZZI E ORARI

Ambrosiana

CRIPTA SAN SEPOLCRO: NUOVI PREZZI E ORARI

Dal 31 gennaio la Cripta di San Sepolcro riapre al pubblico con nuovi prezzi e orari

24/01/2020
NEWS
Leonardo. Lo sguardo infinito

Ambrosiana

Leonardo. Lo sguardo infinito

L'autore, Giuseppe Di Napoli, presenta il volume Leonardo. Lo sguardo infinito presso la Pinacoteca Ambrosiana

28/01/2020-28/01/2020
PRESENTAZIONE
Anatomia, meccanica e visualizzazione. Leonardo da Vinci e Guido da Vigevano

Pinacoteca

Anatomia, meccanica e visualizzazione. Leonardo da Vinci e Guido da Vigevano

Il convegno, legato alla mostra “Leonardo da Vinci e Guido da Vigevano. Anatomia in figure”(Vigevano, 18.5 - 20.10 2019), approfondisce alcuni argomenti oggetto di tale iniziativa e tra loro connessi dal tema della visualizzazione.

30/01/2020-31/01/2020
CONVEGNO